Come prepararsi ad un calcetto con gli amici

Come prepararsi ad un calcetto con gli amici

Nonostante siano passati degli anni dall’ultima volta che hai messo gli scarpini, finalmente sei riuscito a convincere i tuoi amici a partecipare ad un torneo di calcetto. Se sei fermo da parecchio però è meglio ri-approcciarsi a questo sport in maniera graduale.

Anche se non è facile trovare il tempo, è importante gettarsi nella mischia dopo un minimo di preparazione atletica, in maniera da essere pronti fisicamente (e fare una buona figura!). Il consiglio generale è quello di allenarsi blandamente ma in maniera progressiva, con un po’ di esercizio cardiovascolare per riprendere il fiato.

Da circa un mese prima, un paio di volte a settimana, effettua qualche chilometro di corsa: le prime volte è sufficiente una camminata, poi aumenterai leggermente il ritmo la volta successiva.

Come prepararsi ad un calcetto: cardio e arti inferiori

Oltre al passo e ai cambi di ritmo, è importante effettuare non solo un percorso rettilineo ma anche dei cambi di direzione, poichè si tratta di un movimento estremamente importante durante una partita di calcio a 5. Nel calcetto infatti si verificano continuamente situazioni per cui è importante accelerare e decelerare in maniera piuttosto repentina.

Oltre all’allenamento cardio è importante riabituare anche i vari distretti muscolari più coinvolti nel calcetto e quindi gli arti inferiori. Seppur già sollecitate nella corsa, le gambe possono essere ulteriormente rinforzate e sostenute da qualche sessione in palestra, mirando i quadricipiti e ricordandosi sempre dello stretching a fine sessione. Non c’è bisogno di caricare chissà quali pesi sulla macchina, non devi prepararti a una competizione di bodybuilding: imposta un carico molto basso la prima volta e aumenta gradualmente l’intensità facendoti consigliare da un esperto. A proposito, qui trovi le migliori palestre del pometino, se ti trovi in zona! Spiega al personal trainer ciò di cui hai bisogno e ti indirizzerà agli esercizi a corpo libero e alle macchine più adatti.

Dopo un mese di preparazione così condotta, ti potrai riavvicinare con maggiore reattività e prontezza fisica alla tua prima partita. Prima del fischio di inizio effettua sempre un po’ di riscaldamento, bastano pochi minuti: entrare a freddo può aumentare il rischio di infortunarsi precocemente o comunque di compromettere la prestazione nel resto della gara.

Non solo allenamento: come prepararsi ad un calcetto a tavola

Per quanto riguarda l’alimentazione bisogna distribuire ciò che si mangia lungo tutto l’arco della giornata (meglio 5 o 6 piccoli pasti anzichè i 3 concentrati canonici, più ricchi e difficili da digerire). Prima della partita evita assolutamente cibi pesanti: una insalata di verdure o della frutta andranno benissimo (la pasta sarà il tuo post-workout rigenerante). Anche l’idratazione è fondamentale, sia prima che durante il match, soprattutto se si tende a sudare molto. In quest’ultimo caso porta con te una di quelle bevande che reintegrano i sali minerali.

Il calcetto comporta qualche rischio di trauma o eccessiva sollecitazione, spesso a carico delle ginocchia e delle caviglie (distorsioni o lesioni ai legamenti): la preparazione di circa 30 giorni e la scelta della calzatura giusta tuttavia sono due fattori che potranno ridurre drasticamente le probabilità di farti male.

L’importante è scegliere la suola degli scarpini in base al tipo di terreno su cui andrai a giocare (palestra, erba o sintetico) e provarle in negozio insieme a calzetti dello stesso spessore di quelli che si utilizzeranno in campo. La sensazione di indosso infatti deve essere confortevole ma allo stesso tempo ben salda, in maniera da proteggerti da qualche colpo inaspettato e consentirti di muoverti in piena libertà.

Ora che sai come prepararti al meglio, convoca gli amici e porta la tua squadra ad allenarsi per partecipare al torneo: a questo link trovi i campi da calcetto di Pomezia.